La birra che non ti aspetti

Il tuo fidanzato sostiene che sia una delle bevande più fantastiche mai inventate, e ha colonizzato il tuo frigo con lattine e bottigliette?

Ha ragione. E, nonostante la birra a me non piaccia proprio (sigh…), voglio darvi le prove. Ecco tutti I buoni motivi per amare…le bionde spumeggianti. Non  vi resta che rassegnarvi ad un inebriante destino!

Gli abbinamanti tra cibo e birra

Con questi sì…

Birra e formaggio. Sono una coppia perfetta sia dal punto di vista nutrizionale (la presenza di grassi e proteine modula l’assorbimento dell’ alcol), sia sotto il profilo gourmand, a patto di sceglierli con lo stesso retrogusto per evitare che il sapore del formaggio venga compromesso: birre acidule con formaggi aciduli, birre dolci con latticini dolci, e così via. Per esempio, la English Old Ale o la Barley Wine, caratterizate da uno spiccato aroma di ciliegia o di Porto, si adattano ottimamente a formaggi freschi e delicati, mentre le birre che sanno di “affumicato” come alcune Porter o Stout si sposano bene con latticini analoghi tipo la provola affumicata. Quelle più saporite devono invece essere degne dei loro “competitori”: le doppelbock vanno bene con il brie, le trappiste con gusti piccanti tipo il pecorino, mentre le possenti barley wine o malt liquor, ad altissima gradazione (fino a 10 gradi) vanno bene con I classici strong come gorgonzola e camembert.

Birra e carne (marinatura). La birra ha un’acidità perfetta per rendere tenera e più digeribile la carne. In questo modo puoi gustarti dei tagli più magri, che in cottura diventano duri. Inoltre, la birra non altera il sapore della carne come fanno invece le marinature a base di vino e aceto. Fai qualche foro nella carne, sistemala in un contenitore Tupperware o in una grande busta richiudibile e aggiungi la birra (la ale inglese, la birra chiara a elevata gradazione alcolica, è ottima per il manzo.) Lascia marinare in frigorifero per qualche ora o, ancora meglio, per tutta la notte. Non scolarti la marinatura!

Con questi no…

Pizza e birra. Sotto il profilo nutrizionale, l’accostamento non è dei migliori poiché la birra contiene lieviti, e rischia di fermentare nello stomaco assieme alla pasta della pizza. La colpa, però, non è della birra!  Purtroppo a molte pizzerie fa comodo una lievitazione “sveltina” (un paio di orette invece delle canoniche 6-8 ore). Risultato? La pizza si digerisce malissimo perché continua a “lievitare” nello stomaco, con conseguenze facilmente immaginabili se si associano i lieviti della birra: praticamente una bomba nella pancia!

Birra e pasta al pomodoro. Birra e pomodoro sono due cibi molto acidi che, messi insieme, potrebbero peggiorare I sintomi della gastrite, dell’esofagite da reflusso e di qualsiasi problema di iperacidità gastrica. Non ci sono molte birre adatte a sostenere l’acidità del pomodoro, ad eccezione delle birre non molto frizzanti e dal gusto “morbido” come una Vienna ambrata o una altbier.

La domanda che si fanno tutti: fa più bene o più male?

 Ti fa bene perché…

– Non ti danneggia i neuroni (se la bevi con moderazione!)

Per il cervello – bere la birra sarebbe meno dannoso del vino, accusato di provocare un graduale restringimento dell’ippocampo (zona cerebrale associata a memoria e senso dello spazio). Lo conferma uno studio tedesco pubblicato su ‘Alcohol and Alcoholism’: l’ippocampo dei bevitori di vino è di appena 2.8 ml contro 3.85 ml di chi non fa uso di alcol e 3.4 ml di chi preferisce la birra.

– Tiene a bada il colesterolo

All’University Department of Medicine del Royal Perth Hospital hanno dimostrato che consumare birra con moderazione aumenta del livello di colesterolo “buono” HDL, con una riduzione dell’attività dei fibrinogeni e delle piastrine che favoriscono la formazione dei trombi nel sangue. La birra inoltre sembra abbassare i livelli di omocisteina nel sangue (leggi: meno possibilità di cardiopatie, ictus e demenza) per l’azione positiva delle vitamine del gruppo B e dei folati.

– Ritarda la menopausa

Anche se per te è una meta ancora lontana, la notizia ti farà certamente piacere: secondo uno studio dell’Instituto de Agroquimica y tecnologia de alimentos (IATA) di Valencia,  il consumo costante di birra aumenta di livelli di androstenedione, estrone ed estradiolo (tutti estrogeni) che prolungano  la funzione ovarica, ritardando in maniera sensibile la menopausa.

– Ti protegge le ossa

Sempre dalla Spagna, questa volta dall’Università di Extremadura, arriva un’altra bella notizia per noi donne: bere una birra al giorno può prevenire il degrado osseo che porta all’osteoporosi. Merito del contenuto di silicio, un che rallenta il processo di decalcificazione.

– Ti fa fare plin plin

Ti è mai capitato di prendere un caffè in un bar solo per poter usare le toilettes? Oppure di intrufolarti di straforo con il sorriso del gatto di Alice nel paese delle meraviglie? Ecco, se bevi la birra, ti capiterà sistematicamante! La presenza dI potassio e magnesio, e la ridotta quantità di sodio favoriscono il naturale lavoro dei reni senza però alterare l’equilibrio dei liquidi e dei minerali presenti nel corpo. Bye bye  calcoli renali e ristagni di tossine!

– Ti mantiene giovane

La birra è un concentrato di agenti antiossidanti, portati sia dal malto che dal luppolo. Lo studio Bioavailability of ferulic acid from beer, rivela che la quantità di antiossidanti presenti nella birra sarebbe il doppio di quella rilevata nel vino bianco. Inoltre, gli agenti antiossidanti della birra – al contrario di quelli del vino rosso – sarebbero immediatamente disponibili per l’organismo.

Ti fa male perché,

– Non va bene se sofrri di celiachia o di intolleranza al glutine, anche se qui è presente in minime quantità

– Non è consigliabile se aspetti un bimbo perché l’alcol è in grado di attraversare la placenta e arrivare al feto. Da evitare tassativamente nei primi tre mesi. Stessa regola vale per l’allattamento, perché l’alcol passa attraverso il latte.

– Non va bene se sei una sportiva professionista e hai in programma una gara o un allenamento il giorno successivo all’assunzione: l’alcol anche se in quantità moderate come quello presente nella birra, può penalizzare la coordinazione dei movimenti e l’efficenza muscolare.

DA SAPERE: è meglio di un integratore salino-energetico

Incredibile ma vero! Per reidratatrti dopo una partita a tennis o una corsa al parco, un boccale di birra sarebbe di gran lunga migliore dell’acqua. Lo rivela una ricerca dell’universita’ di Granada secondo cui i suoi zuccheri e sali, uniti alle bollicine naturali, consentirebbero di assorbire i fluidi più velocemente, soprattutto in condizioni di caldo umido. Non solo: il diossido di carbonio contenuto nella birra disseta rapidamente, mentre gli zuccheri ricaricano i muscoli delle scorte perse con lo sforzo. Attenzione però a non eccedere: un quarto di litro (meno di una lattina) è il massimo consentito!

QUANTA BIRRA SI PUÒ BERE AL GIORNO?

Concessi al massimo 2 o 3 bicchieri di birra da 0,25 cl l’uno. In questo modo non supererai i 20-30 grammi di alcol, rimanendo all’interno della dose consigliata. Ovviamente, vietato ogni altro alcolico oltre a questo! Dal punto di vista calorico, contiene meno calorie di altre bevande: 250 ml di birra a medio-bassa gradazione alcolica contengono 103 calorie contro le 120 di un’uguale porzione di succo di mela, le 134 del latte. In alto i boccali, dunque, ma senza esagerare!! Più aumenta la gradazione alcolica, più aumentano le calorie: le 36 calorie per 100 ml di una birra con gradazione media di 4%, raddoppiano se si sceglie il doppio malto.

 La vostra diet coach Samantha B.

0 Comments

Leave a Comment

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register