Ama il frullato con latte, zucchero e avocado

Ore 11 di domenica mattina, Val di Non. Licia Colò, in estate, si trasferisce qui anche per lavorare. L’ho raggiunta perché non vedevo l’ora di condividere con lei mezza giornata di trekking o una bella ferrata…e invece, niente.

“Al massimo ti propongo una biciclettata, io però uso quella con la pedalata assistita!” mi dice, ridendo.

Mi concedi una sbirciatina al frigorifero?

Ma certo! Anche se non sono sicura di darti grandi soddisfazioni. Mio papà diceva che il cibo serve per sopravvivere e, pur non condividendo in pieno, mi rendo conto che dedico davvero poco tempo a spesa e fornelli. Come vedi, c’è solo l’indispensabile: insalata, pomodori, stracchino, robiola, lamponi, fragole, uova, cioccolato fondente e bottigliette di cola.

Dai, non è poi così povero! Vediamo il freezer…

Va Meglio, direi. E’ abbastanza fornito: pesce e bastoncini di merluzzo impanati che piacciono tantissimo a mia figlia Liala, zuppe di cereali e legumi, verdure in busta pronte da buttare in padella e altri cibi pronti da cuocere. Come vedi, carne non ne abbiamo. Siamo una famiglia proiettata a diventare, poco a poco, vegetariana o, per essere più precisi “pescetariana” perché il pesce fa molto bene.

Sei una donna super pratica, però non ci credo che non cucini mai…

Diciamo che cucino…in tempi rapidi! Per esempio, preparo ogni settimana una marmellata fresca da consumare a colazione sulle fette biscottate, insieme a un velo di burro. Metto in pentola la frutta – adoro le albicocche – con 3 cucchiai di zucchero e via. Va conservata in frigorifero e consumata in pochi giorni.

Poi mi piace preparare i passatelli romagnoli che mi ha insegnato mia nonna. Mescolo uova, pangrattato e parmigiano con un pizzico di noce moscata, e faccio passare il composto nello schiacciapatate. Vengono fuori dei “vermicelli” buonissimi e molto nutrienti, da gustare in brodo che però acquisto già pronto!

Mi sveli un tuo segreto per essere sempre così bella…

Non ci crederai ma non ho alcun segreto particolare, tanto meno “dietetico”. Però adesso che mi ci fai pensare, mi concedo spesso una ricetta-non ricetta che sicuramente fa molto bene: il frullato di latte fresco, avocado e zucchero. Quando non ho tempo per fare un pranzo vero, è l’ideale, ma è perfetto anche come merenda perché io allo spuntino del pomeriggio non rinuncio mai! Lo alterno a un alimento che, in teoria, dovrebbe essere solo un peccato di gola – la crema di cioccolato e nocciole. La mangio a cucchiaiate ed è sempre un’emozione per i sensi!

Mai fatto diete?

No, anche perché ho la fortuna di non essere una mangiona. A pranzo, basta un piatto unico con un contorno di verdure per sentirmi sazia ed energica. Anche quando vado al ristorante è difficile esagerare perché mangio solo quanto basta per sentirmi appagata. Un piatto di pasta con un ricco sugo di pesce è già un pasto perfetto! Il dessert, se c’è, deve essere speciale.

I miei consigli

Frullati: meglio di estrattori e centrifughe!

Nel momento in cui spopolano gli “estrattori” (nient’altro che una versione rivisitata delle tradizionali centrifughe), evviva chi sceglie il frullato! E’ l’unico modo per trasformare frutta e verdura in una bibita, senza perdere le preziose fibre che, invece, vengono eliminate con gli altri metodi. Il vantaggio del frullato rispetto alla frutta intera, è la miglior digeribilità che velocizza l’assimilazione dei nutrienti – comprese vitamine e minerali – ed evita fastidiosi gonfiori addominali. La frutta in purea, infatti, riduce notevolmente la fermentazione perché richiedendo meno impegno da parte dello stomaco, dimezza i tempi di transito. Il frullato è quindi una soluzione perfetta per avere energia immediata, senza timore per la pancia gonfia.

 Avocado, il miglior antistress

Ha 231 calorie per etto, ma ci si può passare sopra grazie alla ricchezza di grassi mono-insaturi che funzionano da polizza assicurativa per l’apparato cardio vascolare. Ma non è tutto. L’avocado regala un prolungato senso di sazietà, utile per seguire meglio ogni dieta, ed è ricco di glutatione, il ‘principe’ degli antiossidanti che aiuta a contrastare gli effetti di un’alimentazione squilibrata o che privilegia i cibi pronti.

Basta mezzo avocado al giorno, aggiunto alle insalate o sottoforma di salsa ‘guacamole’ (avocado, cipolla ed extravergine), per fare il pieno di potassio dall’azione drenante e vitamine del gruppo B, energizzanti e antistress. Ricordatevelo quando tornerete dalle ferie e vi sentirete giù di tono per la ripresa della routine.

 Pesce surgelato, perché no?!

L’offerta di pesci pronti da cucinare o già pronti da scaldare in forno per pochi minuti è immensa. Per chi, come Licia, ha poco tempo, sono un’ottima alternativa. Si tratta di pesci surgelati spesso già sui pescherecci, a temperature prossime a -18° C. I valori nutritivi sono paragonabili al fresco. Oggi ci sono tecnologie innovative come l’azoto liquido che arriva a – 60°C, preservando ulteriormente la qualità.

Durante l’acquisto leggete bene l’etichetta: privilegiate i prodotti che dichiarano in etichetta di congelare il pesce a bordo. Scongelateli in frigo e usate panature di spezie, semi ed erbe aromatiche. Zero tempo? Cuoceteli in forno ancora congelati. I bastoncini cotti al forno, grazie alla panatura, possono essere considerati un piatto unico, a patto di aggiungere sempre un contorno di verdure.

Cola senza zucchero e senza caffeina

Nel frigo di Licia ci sono la versione senza zucchero e quella senza caffeina. Nel primo caso, il risparmio calorico è notevole (una lattina ha meno di 1 caloria contro le 128 circa della tradizionale) mentre nel secondo caso, è stata eliminata la componente eccitante della caffeina che non fa bene soprattutto ai bambini. Moderazione è, però, la parola d’ordine. Per dissetarsi bisogna bere acqua, mentre le bibite vanno considerate un peccato di gola!